BANDA ULTRA LARGA, PISA ACCELERA CON L’INNOVAZIONE DI OPEN FIBER

Benvenuto in Open Fiber

Pubblicato il 30-10-2017

L’azienda cablerà 35mila unità immobiliari del comune toscano in modalità Fiber To The Home (FTTH), con un investimento di circa 12 milioni di euro.

Pisa, 30 ottobre 2017 – La banda ultra larga di Open Fiber garantirà ai cittadini, alle aziende e alla Pubblica Amministrazione di Pisa una connessione ultrarapida, sicura ed efficiente attraverso un’infrastruttura interamente in fibra ottica. È questo l’obiettivo della convenzione siglata oggi tra la società compartecipata al 50% da Enel e Cassa depositi e prestiti e dal Comune di Pisa. Il piano di Open Fiber prevede un investimento di circa 12 milioni di euro per la copertura della città entro 18 mesi dall’avvio dei lavori, che avverrà nel mese di novembre 2017. In totale saranno cablate 35mila unità immobiliari, attraverso circa 20mila chilometri di fibra.

La fibra ottica verrà portata in modalità Fiber to the Home (FTTH – fibra fino a casa), che è in grado di supportare velocità di trasmissione fino a 1 Gbps (1000 Megabit al secondo), sia in download che in upload, consentendo così il massimo delle performance. Prestazioni non raggiungibili oggi con le reti in rame (ADSL) o fibra/rame (FTTC).

Open Fiber è un operatore wholesale only: non vende servizi in fibra ottica direttamente al cliente finale, ma è attivo esclusivamente nel mercato all’ingrosso, offrendo l’accesso a tutti gli operatori di mercato interessati. La convenzione con il Comune di Pisa stabilisce le modalità e i tempi di scavo e ripristino per la posa della fibra ottica, come previsto dal decreto ministeriale del 2013. Dove possibile, Open Fiber utilizzerà cavidotti e infrastrutture di rete sotterranee già esistenti per limitare il più possibile l’impatto degli scavi sul territorio e gli eventuali disagi per la comunità. Gli scavi saranno effettuati privilegiando modalità innovative sostenibili e a basso impatto ambientale.

“La fibra fino a casa è un cambio di paradigma radicale nel campo della banda ultra larga, che i cittadini e le aziende di Pisa potranno toccare con mano in numerosi campi” ha commentato Roberto Tognaccini, responsabile Network Operations area Centro di Open Fiber. “È una vera e propria autostrada che offre potenzialità di sviluppo illimitate: dalla videosorveglianza alla regolazione della mobilità, dalle scuole agli edifici della Pubblica Amministrazione. Per oltre il 50% del piano utilizzeremo infrastrutture già esistenti. Negli altri casi, agiremo con il minor impatto possibile utilizzando tecniche poco invasive, come la minitrincea e il one day dig”

“Pisa è la città storica dell’informatica italiana e di internet, puntiamo sullo sviluppo digitale, per cui è motivo di soddisfazione vedere l’avvio dei lavori per la banda ultralarga fiber to the home a 1 Giga al secondo con il piano Open Fiber – commenta il sindaco di Pisa Marco Filippeschi – Un altro aspetto importante di questo intervento è che saranno utilizzati per la posa dell’infrastruttura cavidotti già esistenti e questo aiuterà a limitare i disagi e l’impatto dei lavori”.

BANDA ULTRA LARGA, PISA ACCELERA CON L’INNOVAZIONE DI OPEN FIBER