6  / 122




Tecnologia e innovazione
23 Ottobre 2019
Home > Il mondo Open Fiber > News > Know your fiber: come riconoscere la ver...

Nell’era di internet, la consapevolezza digitale è un must. Dalla prevenzione del cyberbullismo al corretto utilizzo dei social, i digitali – nativi e non – sono sempre più esperti di web, internet e connessioni. Ma quanti sanno cosa c’è dietro le quinte della grande community virtuale? La strada che trasmette dati e informazioni da un pc all’altro è spesso un mistero per i non addetti ai lavori. Quando si decide di sottoscrivere un abbonamento a internet, ci si ritrova bombardati di codici e statistiche e può succedere di venirne confusi. Ma niente paura: riconoscere la vera fibra ottica per essere consapevoli dei servizi che si decide di acquistare è semplice, basta cercare il bollino nelle comunicazioni pubblicitarie.

L’implementazione della rete in fibra ottica su tutto il territorio nazionale è ancora in corso. In capo a qualche anno i consumatori potranno navigare in internet alla velocità di 1 Gbps, ma per il momento esistono ancora situazioni in cui le velocità massime raggiungibili sono inferiori. Questo dipende dalla composizione dei cavi di rete nel luogo di residenza. Per aiutare i cittadini a identificare il tipo di connessione a loro disposizione in un colpo d’occhio, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, AGCOM, ha creato una serie di bollini di immediata comprensione.

Tre colori: rossogiallo e verde per tre tipologie di reti. Ecco cosa rappresentano.

Rosso, giallo, verde: non tutte le fibre sono uguali

Il bollino rosso identifica le reti composte interamente in rame per le quali il tragitto dalla centrale di trasmissione a casa è realizzato con i classici cavi telefonici. Il bollino riporta al centro una R, che sta per “rame”, ed è assegnato alle classiche connessioni ADSL. Questo tipo di cablatura è la meno performante poiché risente di dispersioni e perdite di banda a seconda della distanza da percorrere e delle temperature esterne. In condizioni ottimali può raggiungere i 20 Mbps.

La situazione migliora in presenza del bollino giallo con la sigla FR, ossia “fibra ottica/rame”. Le connessioni di tipo FTTC, Fiber to the Cabinet, rientrano in questa categoria. Nelle reti FTTC il collegamento dalla centrale di trasmissione al cabinato stradale è in fibra ottica, mentre la restante sezione è realizzata con cavi in rame. Questo vuol dire che possono verificarsi perdite di banda solo nell’ultima parte del tragitto, in genere non superiore ai 300 metri. Si tratta di una situazione intermedia tra la vera fibra ottica e l’ADSL, e la velocità di trasmissione dati può raggiungere i 100/200 Mbps.

La fibra ottica DOC, quella che arriva fino al modem di casa tua, si è aggiudicata il bollino verde con una grande F bianca. È solo in presenza di questo marchio che si può essere certi di star usufruendo della miglior connessione disponibile. Le reti FTTH, come quella di Open Fiber, possono fregiarsi del bollino verde e sono in grado di fornire velocità di 1 Gbps in download. Si tratta della tecnologia più performante attualmente in circolazione, l’unica future proof ed ecosostenibile grazie all’elevata resistenza dei cavi.

La soddisfazione del consumatore passa attraverso la consapevolezza. E tu sai già che tipo di connessione esiste nella tua città?

Cerca news