34  / 124




Gaming
19 Giugno 2019
Home > Il mondo Open Fiber > News > Le ultime novità Google Stadia

Il gaming nella società di oggi è un fenomeno culturale sempre più diffuso, che reclama a pieno titolo un posto d’onore nel mondo della cultura pop. Nell’arco di pochi decenni il gaming si è evoluto abbandonando il suo proposito originale come semplice momento ricreativo. I videogame attuali sono vere e proprie esperienze immersive, capolavori di grafica e storytelling capaci di catturare, stimolare e persino commuovere. La popolarità del mezzo ludico ha registrato un’importante crescita negli ultimi 20 anni che è andata di pari passo con la diffusione di internet. Le community online hanno permesso l’aggregazione di appassionati e professionisti, che spesso si incontrano per giocare insieme abbattendo barriere e distanze. Questo grazie a mezzi di fruizione come multiplayer e dirette streaming.

È proprio sulla base di questa sempre più diffusa abitudine che è nata l’idea con cui Google promette di rivoluzionare il mondo del gaming: Stadia. La novità, in arrivo il prossimo novembre, è stata al centro dell’ultima Game Developer Conference 2019 e dell’E3 a Los Angeles, durante il quale è stata presentata come una sorta di Netflix del videogame. Come raccontato da Phil Harrison, VP di Google Stadia e a capo dell’intero progetto, sarà un servizio che andrà incontro sia alle esigenze degli sviluppatori, che dei giocatori e dei fan.

Come funziona Stadia

Come funziona Google Stadia

La ricchezza grafica ed esperienziale dei videogame attuali richiede macchine dalle prestazioni sempre più alte. Google Stadia punta ad abbattere le barriere economiche legate all’acquisto di console o pc per il gaming con la possibilità di giocare online su cloud e server dedicati. Niente download, niente installazioni né requisiti minimi di memoria. Basterà accedere alla piattaforma Google Stadia attraverso il browser Chrome e disporre di una connessione internet stabile e veloce per garantire una buona risposta in termini di trasmissione dei dati con il cloud. Sarà quest’ultimo a far girare il gioco, mentre sullo schermo verrà trasmesso l’output video con cui interagire tramite controller.  Quanto al dispositivo utilizzato per la connessione, la scelta sarà tutta in mano al giocatore. Un pc con Chrome, una smart tv con Chromecast, un tablet o persino uno smartphone saranno tutte soluzioni adeguate.

Scheda tecnica Google Stadia

Inizialmente Stadia sarà disponibile in 14 paesi: Italia, Belgio, Finlandia, Canada, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Olanda, Norvegia, Spagna, Svizzera, Regno Unito e USA. Proprio come con Netflix o Spotify, sottoscrivendo un abbonamento i giocatori avranno a disposizione una libreria di giochi tra cui scegliere e basterà un semplice click per usufruirne.

Ma la parte più interessante, quella che in molti aspettano con trepidazione, è il catalogo dei videogiochi. Tra i titoli campeggiano evergreen, grandi classici e novità da tutte le più note case di produzione, come Ubisoft o EA. Tra essi Destiny 2, DOOM, The Elder Scrolls Online, Assassin’s Creed Odyssey, Borderlands 3, Mortal Kombat 11, Final Fantasy XV, The Division 2, Baldur’s Gate 3, la trilogia di Tomb Raider e quello che sta suscitando più scalpore: FIFA 20.

Proprio FIFA 20 è uno dei giochi su cui l’azienda di Mountain View punta particolarmente per incentivare le sottoscrizioni. Una partnership dal carattere emblematico: per rivoluzionare il mondo del gaming Google sta puntando su un titolo che a modo suo ha fatto lo stesso. Quando uscì il primo FIFA, nel 1993, il gioco fece scalpore per le novità che apportò al mondo dei videogame sportivi. Oltre a una grafica molto dettagliata per gli standard del tempo, introdusse la visione isometrica del campo, mentre gli altri giochi avevano quasi sempre una vista dall’alto. Per la prima volta giocare a calcio con la console era come essere in campo in una partita vera. Con questa edizione, in uscita a settembre, nuove caratteristiche verranno implementate, come il meteo dinamico che influirà sulla fisica del pallone. Ci sarà anche il ritorno di alcune modalità particolarmente apprezzate in passato, come gli scenari di gioco in strada. Grandi novità sia sul fronte dell’esperienza di gioco che della piattaforma quindi.

I vantaggi della tecnologia FTTH per il gaming

In questo scenario, la tecnologia FTTH si presenta come componente essenziale per un’esperienza di gioco ottimale. Velocità di trasmissione e stabilità sono già adesso grandi alleate del gaming, in particolare quando si tratta di modalità multiplayer. Le prestazioni della fibra sono particolarmente apprezzate per la riduzione del lag, il ritardo nella trasmissione di informazioni, forse il peggior nemico di ogni gamer. Il ritardo nella connessione può causare movimenti a scatti del gioco o cambi repentini di posizione del proprio personaggio. Questo può portare a danni durante una partita, a causa della difficoltà nel tenere sotto controllo l’ambiente e gli avversari.

Con una connessione FTTH, la velocità di trasmissione dei dati riduce al minimo questi ritardi, permettendo al gioco di scorrere in maniera fluida e ottimale. Poiché il vero cervello di Stadia sarà dislocato online sui server di Google, più la connessione sarà performante, più l’esperienza di gioco appagante.

Con Stadia tutti i videogiocatori potranno beneficiare della stabilità fornita da una rete FTTH come quella che noi di Open Fiber stiamo contribuendo a portare in tutta Italia. Questo potrebbe aprire nuovi scenari non solo per i giocatori, ma anche per i fan o gli spettatori. Mettersi in coda per giocare con i propri gamer preferiti o seguire le partite interagendo in tempo reale diventerà ancora più semplice.

La rivoluzione del gaming è in arrivo in autunno, e noi stiamo aspettando con grande curiosità.

Fibra Ottica FTTH connessione Google Stadia

Cerca news