03 Aprile 2020

Riprendono gli interventi per collegare con la fibra fino a casa gli utenti che ne hanno fatto richiesta nel corso delle ultime settimane

Roma, 3 aprile 2020 – Ad accompagnare la rinascita di Vo’, arriva anche la banda ultra larga: Open Fiber, la società concessionaria del bando pubblico di InfratelInfratel Infratel Italia S.p.A. è una società in-house del Ministero dello Sviluppo Economico ed è il soggetto attuatore dei Piani Banda Larga e Ultra Larga del Governo. Per maggiori informazioni visita il sito www.infratelitalia.it per la copertura e la realizzazione della reteRete Nel linguaggio informatico il termine rete definisce un insieme di dispositivi hardware e software che, collegati tra loro, permettono lo scambio e la condivisione di risorse, dati o informazioni. In una rete di computer i dispositivi che generano, instradano e terminano i dati sono chiamati nodi della rete. nelle aree bianche del Veneto, in accordo con il Comune di Vo’, ha ripreso le attività del piano #BULBUL Si parla di banda ultra larga (in lingua inglese ultra broadband) quando la velocità di connessione effettiva in download è di almeno 30 Mb/s. Quando la velocità di connessione raggiunge o supera il Gb/s si parla genericamente di reti ultraveloci (in lingua inglese ultrafast networks). Per consentire queste velocità si devono utilizzare fibre ottiche al posto dei tradizionali cavi in rame, ragione per cui tali reti prendono il nome di reti di accesso ottiche (NGAN) o più semplicemente reti ottiche (NGN). sul territorio comunale, con l’obiettivo di accelerare l’attivazione dei clienti che hanno fatto richiesta agli operatori partner. I lavori sull’infrastruttura sono infatti terminati e Vo’ è uno dei primi comuni della regione in cui sono stati aperti alla vendibilità i servizi in fibra ultraveloce.

Solo poche settimane fa, la vita degli abitanti di Vo’ veniva sconvolta dall’emergenza Covid-19, che ha trasformato il piccolo borgo sui colli Euganei in una delle prime zone rosse d’Italia, azzerandone ogni contatto con l’esterno. In questi giorni, a Vo’, dopo un intenso lavoro di mappatura dei contagi che ha permesso un controllo capillare di tutta la cittadinanza, rendendo di fatto il comune un piccolo laboratorio per lo studio del nuovo virus, la situazione sta lentamente tornando alla normalità. E il Sindaco, Giuliano Martini, assieme ai suoi concittadini prova a guardare avanti.

Open Fiber ha realizzato a Vo’ una rete in modalità FTTHFTTH "Fiber to the Home" è la tecnologia che collega i POP, siti nelle centrali, alle unità immobiliari degli utenti finali con la fibra ottica. (Fiber To The Home, fibra fino a casa), che ha collegato oltre 1600 unità immobiliari, tra case e attività commerciali del territorio, attraverso 29 chilometri di fibra otticaFibra ottica È un cavo realizzato con una fibra di vetro attraverso il quale viene trasmesso un segnale luminoso anche su grandi distanze per l’accesso di reti a banda larga. Rispetto ai cavi in rame, la fibra ottica è in grado di trasmettere segnali molto più velocemente, fino a 40 Gigabit al secondo. È, pertanto, ideale per grandi quantità di dati da trasferire rapidamente; è inoltre insensibile alle interferenze esterne (interferenze elettromagnetiche, variazioni di temperatura, ecc.). Mentre la velocità, la qualità e la sicurezza della trasmissione dei dati sono indubbiamente i vantaggi della fibra ottica, il costo elevato della loro installazione costituisce uno svantaggio limitante per chi realizza la rete. Leggi la news per saperne di più: “Fibra ottica, cos’è e come funziona”.. Per gli interventi in corso, la società ha aggiornato alle nuove prescrizioni le misure in tema di salute e sicurezza sul lavoro sia verso i propri lavoratori sia verso le imprese che operano sui cantieri e nelle operazioni di allaccio della linea in casa dei clienti.

“Da questa fase tragica della nostra storia, cerchiamo di uscirne più forti – ha spiegato il Sindaco, Giuliano Martini -. Abbiamo combattuto il virus adottando un modello di contenimento apprezzato in tutto il mondo. Ora guardiamo avanti, ripartiamo anche dalla banda ultra larga. Siamo ancora tutti costretti a stare in casa perché l’emergenza non è finita, ma con la rete interamente in fibra ottica sarà possibile ricominciare a lavorare, riprendere le attività in modalità smart working. Con Open Fiber seguiremo in questa fase tutti gli interventi necessari per attivare le diverse persone che hanno fatto richiesta del servizio. Siamo tra i primi comuni del Veneto, e anche questo è un motivo di orgoglio”.

“Siamo in prima linea nella digitalizzazione del Paese – ha sottolineato l’Amministratore Delegato di Open Fiber, Elisabetta Ripa – e siamo convinti che una rete pubblica neutrale veramente in fibra ottica sia l’asset strategico per la crescita dell’Italia. Anche durante questa emergenza, in sicurezza e in conformità alle prescrizioni dei DPCM, continuiamo a lavorare per fornire ai cittadini italiani una connettività a 1 GigabitGigabit Il Gigabit è l’unità di misura che rappresenta un miliardo di bit e viene abbreviata con la sigla Gbit o Gb. Questa unità di misura è spesso utilizzata, assieme al megabit ed al kilobit, in rapporto al tempo (in secondi) per il calcolo della velocità di trasmissione di segnali digitali, usata soprattutto per calcolare la velocità di un dato in download. Al giorno d’oggi, il Gbit/s è una unità di misura molto usata per indicare la velocità di trasmissione dati nelle reti informatiche. al secondo, che soddisfi le esigenze di comunicazione, lavoro e svago cresciute esponenzialmente con la permanenza forzata in casa. Desidero ringraziare il comune di Vo’ per aver rilasciato rapidamente le autorizzazioni degli interventi, viste le numerose richieste di attivazione che abbiamo ricevuto dai cittadini. Per ripartire serve uno sforzo comune: le attività di potenziamento delle infrastrutture di comunicazione sono il simbolo di un’Italia che non si ferma e noi, da quando due anni fa abbiamo avviato la Concessione, non abbiamo mai smesso di fare la nostra parte per dotare l’Italia di una infrastruttura adeguata, dopo decenni di ritardo”.

Il valore del complessivo del bando per la realizzazione della rete a banda ultra larga nelle aree bianche del Veneto ammonta a circa 440 milioni di euro. L’intervento interessa complessivamente oltre 500 comuni e più di 900mila unità immobiliari. Come nel resto del Paese, per agevolare i cittadini in questa fase d’emergenza, sono previsti sconti per chi attiva la rete FTTH di Open Fiber facendone richiesta agli operatori partner.

Open Fiber è un operatore wholesaleWholesale Letteralmente “all’ingrosso”. Open Fiber è un operatore “wholesale only”, ovvero opera esclusivamente nel mercato all’ingrosso, offrendo l’accesso a condizioni eque e non discriminatorie a tutti gli Operatori di mercato interessati. only: non vende servizi in fibra ottica direttamente al cliente finale, ma è attivo esclusivamente nel mercato all’ingrosso, offrendo l’accesso a tutti gli operatori di mercato interessati. Una volta conclusi i lavori, l’utente non dovrà far altro che contattare un operatore, scegliere il piano tariffario e navigare ad alta velocità, cosa fino ad oggi impossibile in alcuni luoghi del territorio.

Cerca un comunicato stampa