28  / 305




Home > Il mondo Open Fiber > Comunicati stampa > Caserta, ecco la fibra ottica all’ombra ...
12 Maggio 2020

Convenzione tra Comune e Open Fiber: conclusione dei lavori prevista in 18 mesi.
Investimento privato da 8 milioni per stendere 405 chilometri di cavi in tutta la città.


Caserta, 12 maggio 2020 – La Città delle Reggia è pronta ad abbracciare il futuro digitale. Sono infatti partiti i lavori di Open Fiber per la realizzazione di una rete di telecomunicazioni interamente in fibra ottica, una infrastruttura all’avanguardia capace di assicurare a cittadini e imprese accesso al web a prestazioni inedite. La rete d’ultima generazione targata Open Fiber è realizzata in modalità FTTH (Fiber To The Home, cioè la fibra ottica fin dentro casa) l’unica in grado di restituire velocità di connessione fino a 1 Gigabit al secondo e latenza inferiore ai 5 millisecondi. L’avvio dei cantieri segue la convenzione stipulata nelle scorse settimane tra l’Amministrazione comunale e l’azienda, patto finalizzato a regolare le modalità dell’intervento d’innovazione tecnologica.  

La società guidata dall’amministratore delegato Elisabetta Ripa ha pianificato nella città campana un investimento di 8 milioni di euro, fondi propri necessari al cablaggio di oltre 35mila unità immobiliari. A suggellare l’accordo il sindaco Carlo Marino, insieme agli esponenti di Open Fiber Emanuele Briulotta (responsabile Network&Operations Area Sud), Gianfranco Guerrera (regional manager Campania e Basilicata), Marco Manzella (field manager e responsabile dei lavori di cablaggio in città) e Vincenzo Fabaro (Affari Istituzionali).

Il progetto delineato per Caserta, con la finalità di limitare il più possibile l’impatto e gli eventuali disagi per la comunità, prevede il riuso di infrastrutture già esistenti: dei 170 chilometri che formeranno la nuova e capillare rete di telecomunicazione a banda ultralarga, 40 chilometri saranno costituiti da impianti interrati o aerei già presenti in città. Come nei cantieri aperti in tutta Italia, gli scavi saranno comunque effettuati privilegiando metodologie innovative e a basso impatto ambientale Tra queste la più utilizzata è la minitrincea: lo scavo su strada, largo 10 centimetri e profondo dai 35 ai 50 centimetri, viene riempito contestualmente alla posa dei cavi con malta cementizia di colore rosa. Trascorsi da questo ripristino provvisorio almeno 30 giorni, tempo tecnico necessario all’assestamento del materiale, si passa alla definizione dell’intervento con la scarifica della sede stradale interessata e la posa dell’asfalto a caldo. Ogni fase è comunque sempre frutto del coordinamento tra Open Fiber e i competenti uffici comunali Complessivamente verranno stesi 405 chilometri di cavi in fibra ottica, con conclusione dei lavori prevista entro 18 mesi.


 

 

Cerca un comunicato stampa