111  / 125




Infratel
19 Giugno 2017
Home > Il mondo Open Fiber > News > Aree bianche: firmato contratto di conce...

Open Fiber da oggi è il concessionario del primo bando di gara Infratel per la costruzione e gestione della rete a banda ultra larga che sarà realizzata in oltre 3000 comuni di Abruzzo, Emilia Romagna, Lombardia, Molise, Toscana e Veneto.

Il contratto di concessione, di durata ventennale, è stato firmato oggi al Ministero dello Sviluppo Economico, dall’amministratore delegato di Open Fiber, Tommaso Pompei, e dall’ad di Infratel Italia, Domenico Tudini, alla presenza del Ministro per la Coesione territoriale, Claudio De Vincenti, e del Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonio Giacomelli. Presenti, inoltre, il presidente di Open Fiber, Franco BassaniniMaurizio Dècina, presidente Infratel Italia.

La gara era partita il 6 giugno dello scorso anno, con la pubblicazione dell’avviso, e Open Fiber aveva ottenuto l’aggiudicazione di tutti e cinque lotti previsti, grazie ad un’offerta tecnica “molto impegnativa e avanzata, che va molto oltre le richieste minime del bando”, come sottolinea Franco Bassanini.

Il bando richiedeva, infatti, la copertura di 4,6 milioni di unità immobiliari di cui almeno 1,4 milioni con una connessione sopra i 100 mega in download e 50 mega in upload. Open Fiber si è impegnata a connettere oltre 4,2 milioni di unità immobiliari alla velocità massima.

Grande impegno tecnico ma non solo. L’offerta economica, 675 milioni di euro a fronte di una base d’asta di 1,45 miliardi, permetterà infatti un notevole risparmio per lo Stato.

“L’aggiudicazione della prima gara Infratel a Open Fiber per portare la fibra nelle aeree bianche delle 6 regioni previste dal bando”, spiega Tommaso Pompei, “mette in moto un ammontare di investimenti significativi per un settore trainante dell’economia. Questo genererà uno sviluppo occupazionale importante, che si sommerà a quello che già in corso nelle altre aree del Paese, dove sulla nostra rete stanno già lavorando 5mila persone”.

Cerca news