5G: la quinta generazione delle reti mobili

La sigla 5G (Fifth Generation) indica la quinta generazione di telefonia mobile. Con una velocità di trasmissione dati elevatissima, un consumo di energia ridotto, un tempo di latenzaLatenza Indica il lasso di tempo che intercorre tra la stimolazione di un sistema e l’osservazione dell’effetto che ne risulta. Nelle telecomunicazioni per estensione indica il tempo che occorre ad un pacchetto di dati per viaggiare dal computer sorgente a quello di destinazione. diminuito enormemente e un’affidabilità senza precedenti, la reteRete Nel linguaggio informatico il termine rete definisce un insieme di dispositivi hardware e software che, collegati tra loro, permettono lo scambio e la condivisione di risorse, dati o informazioni. In una rete di computer i dispositivi che generano, instradano e terminano i dati sono chiamati nodi della rete. 5G connetterà in modo totalmente nuovo miliardi di persone e dispositivi.

La Quinta generazione delle reti mobili (5G) si sta affermando, assieme alle reti full-fiber, come la tecnologia più avanzata mai resa disponibile per la trasmissione dati.

Il 5G non permetterà solo di navigare rapidamente su internetInternet La parola nasce dalla fusione dei termini inglesi International e Net, ossia rete internazionale. Con questo termine si indica la rete informatica mondiale alla quale gli utenti di tutto il mondo possono accedere mediante un calcolatore (o computer) per trasmettere e condividere dati e informazioni. da smartphone e tablet, ma consentirà di creare una rete a cui “ogni cosa” sarà connessa (Internet of Things).

Attraverso una velocità di trasmissione dati elevatissima ed un tempo di risposta bassissimo (latenza), il 5G migliorerà di gran lunga l’interconnessione di miliardi di persone e di dispositivi.

Questa rivoluzione sarà possibile grazie alla capillare diffusione dei siti mobili 5G (microcelle), connessi con una rete interamente in fibra otticaFibra ottica È un cavo realizzato con una fibra di vetro attraverso il quale viene trasmesso un segnale luminoso anche su grandi distanze per l’accesso di reti a banda larga. Rispetto ai cavi in rame, la fibra ottica è in grado di trasmettere segnali molto più velocemente, fino a 40 Gigabit al secondo. È, pertanto, ideale per grandi quantità di dati da trasferire rapidamente; è inoltre insensibile alle interferenze esterne (interferenze elettromagnetiche, variazioni di temperatura, ecc.). Mentre la velocità, la qualità e la sicurezza della trasmissione dei dati sono indubbiamente i vantaggi della fibra ottica, il costo elevato della loro installazione costituisce uno svantaggio limitante per chi realizza la rete. Leggi la news per saperne di più: “Fibra ottica, cos’è e come funziona”., come quella che Open Fiber sta sviluppando in Italia. L’integrazione delle nuove reti fibra-5G influenzerà in modo radicale la crescita e lo sviluppo di diversi settori, che potranno finalmente sfruttare appieno le potenzialità della trasformazione digitale, offrendo alle persone e aziende una serie di servizi fino ad ora impensabili.

Dalla smart home, con gli elettrodomestici intelligenti connessi, al settore automotive – il campo che regalerà le applicazioni più sorprendenti – con le “auto che si guidano da sole”, senza dimenticare la telemedicina, con l’interconnessione di strutture sanitarie che permetterà di monitorare da remoto i pazienti, migliorando l’efficacia e l’efficienza del sistema sanitario.

In ambito sicurezza cittadina, l’utilizzo congiunto di telecamere, smart wearable e droni permetterà di trasmettere immagini in alta risoluzione in tempo reale, per garantire comunicazioni sicure e affidabili, con la possibilità di gestire i servizi di emergenza.

E ancora, la realtà aumentataRealtà aumentata Una forma di realtà virtuale nella quale elementi informativi generati da un elaboratore vengono sovrapposti alla scena reale percepita da uno spettatore. Applicazioni basate sulla realtà aumentata presuppongono l’utilizzo di occhiali speciali o di dispositivi dotati di telecamera come uno smartphone, così da sovrapporre all’immagine della realtà figure, didascalie, diagrammi. Esempi sono applicazioni che disegnano il profilo delle costellazioni inquadrando le stelle nel cielo notturno, o giochi che immergono i personaggi nell’ambiente quotidiano, simulatori di arredamento per visualizzare mobili all’interno di abitazioni vuote, ecc. nel turismo, la gestione ottimale dei consumi in ambito energetico, finalizzata alla riduzione degli sprechi e dei blackout e le applicazioni nell’Industry 4.0, come l’integrazione dei robot all’interno delle fabbriche, l’automazione della produzione e la piena digitalizzazione dei processi aziendali.

Questi sono solo alcuni esempi di settori che saranno maggiormente influenzati dalle potenzialità dell’integrazione delle nuove reti fibra-5G, che costituirà, senza dubbio, uno dei principali traini dell’economia e dell’innovazione del prossimo futuro, verso il raggiungimento della Gigabit Society.

Fibra ottica e 5G

Le performance della tecnologia 5G necessitano di una rete di interconnessione dei siti mobili ad alte prestazioni che abiliti questa evoluzione tecnologica; solo un’infrastruttura interamente in fibra ottica, diffusa in modo capillare, può soddisfare adeguatamente tale esigenza, garantendo velocità non di megabitMegabit Unità di misura pari a un milione di bit, usata per specificare la velocità di trasmissione delle reti informatiche: Mb al secondo (Mb/s). Da non confondere con il Megabyte (MB), un milione di byte, ciascuno composto da 8 bit. Un Megabyte è otto volte più grande di un Megabit. Per trasmettere 1 Megabyte alla velocità di 1 Megabit occorrono 8 secondi. ma di gigabitGigabit Il Gigabit è l’unità di misura che rappresenta un miliardo di bit e viene abbreviata con la sigla Gbit o Gb. Questa unità di misura è spesso utilizzata, assieme al megabit ed al kilobit, in rapporto al tempo (in secondi) per il calcolo della velocità di trasmissione di segnali digitali, usata soprattutto per calcolare la velocità di un dato in download. Al giorno d’oggi, il Gbit/s è una unità di misura molto usata per indicare la velocità di trasmissione dati nelle reti informatiche. al secondo.

Le reti in rame o miste fibra-rame non sono sufficienti e rappresenterebbero un collo di bottiglia per una rete 5G.

Open Fiber gioca dunque un ruolo fondamentale nello sviluppo di tale ecosistema.

La diffusione del 5G potrà quindi essere abilitata dalla rete in fibra ottica di Open Fiber, capillare su tutto il territorio nazionale: 271 città dei cluster A&B e più di 7.600 comuni dei cluster C&D e sarà, quindi, il vero abilitatore dello sviluppo del 5G in Italia.

La fibra ottica può esistere senza il 5G, ma il 5G non può esistere senza la fibra ottica.